L'archivio
Il progetto
Le carte
La cronologia
La famiglia
Le immagini
Ricerca le carte
Archivio della Famiglia Rosselli
LA CRONOLOGIA
1923
1924
1925
1926
1927
1928
1929
1930
1931
1932
1933
1934
1935
1936
1937
 
1924
11 gennaio Gabriele Pincherle è nominato vicepresidente della Commissione centrale per le imposte dirette; a fine anno lascerà l'ufficio per limiti d'età con la nomina di Presidente onorario del Consiglio di Stato.
febbraio Nello Rosselli, riprendendo la tesi di laurea, pubblica il suo primo saggio storico La prima Internazionale e la crisi del mazzinianesimo in «Nuova Rivista Storica».
  Sul fascicolo di gennaio-febbraio della rivista «La Riforma Sociale», diretta da Einaudi, Carlo Rosselli pubblica l'articolo The Third Winter of Unemployment, recensione al libro di P.S. King.
18 marzo Nello Rosselli pubblica Origini del movimento liberale in Italia, in «La rivoluzione liberale».
Si tengono le elezioni politiche sulla base della nuova legge elettorale (legge “Acerbo”) varata nel novembre del 1923. Vince il “listone” fascista. aprile
Il 10 giugno Giacomo Matteotti viene rapito e ucciso; il suo cadavere verrà ritrovato il 16 agosto.
Il 27 giugno inizia la secessione aventiniana.
giugno Il delitto Matteotti spinge il gruppo che fa capo a Salvemini a riconoscere che l’unica via per contrastare il fascismo sia ormai al di fuori dei canali istituzionali e in giugno si costituisce una sezione fiorentina dell’associazione combattentistica “Italia libera”, il cui organo di stampa sarà «Non mollare».
luglio Carlo Rosselli si iscrive al PSU. Il 15 luglio, riprendendo l’articolo già apparso in «Critica sociale» nel 1923, pubblica Liberalismo socialista in «La Rivoluzione Liberale».
Dal 2 al 4 novembre 1924 si tiene a Livorno il IV Convegno giovanile ebraico. 3 novembre Nello Rosselli interviene Convegno esprimendo una posizione laica e contraria alle posizioni del sionismo integralista.
Si costituisce per iniziativa di Giovanni Amendola l'Unione nazionale delle forze liberali e democratiche. 8 novembre Nello Rosselli è tra i firmatari del manifesto dell’Unione nazionale delle forze liberali e democratiche di Giovanni Amendola che propugna l’opposizione al regime “in nome dell'esistenza dello Stato legale”.
Aderiscono all’appello politici, giornalisti, intellettuali e uomini di cultura come Corrado Alvaro, Ivanoe Bonomi, Corrado Barbagallo, Roberto Bracco, Piero Calamandrei, Felice Casorati, Alberto Cianca, Guido De Ruggiero, Luigi Einaudi, Guglielmo Ferrero, Augusto Graziani, Novello Parafava, Luigi Salvatorelli, Carlo Sforza, Silvio Trentin, Mario Vinciguerra, Giovanni Visconti Venosta.
Appoggiano la scelta di Nello Rosselli Marion Cave e Ernesto Rossi.
novembre Carlo Rosselli – appoggiato da Cabiati – è incaricato della docenza di Istituzioni di Economia Politica per l’anno accademico 1924-25 all’Istituto superiore di scienze economiche e commerciali di Genova.
31 dicembre La sede del Circolo di Cultura di Firenze è presa di mira dai fascisti fiorentini che fanno scempio di arredi, libri e riviste.
1924 Amelia Rosselli pubblica Emma Liona (Lady Hamilton). Dramma in quattro episodi, per i tipi di Bemporad, Firenze.
  Nello Rosselli conosce Maria Todesco.