L'archivio
Il progetto
Le carte
La cronologia
La famiglia
Le immagini
Ricerca le carte
Archivio della Famiglia Rosselli
LA CRONOLOGIA
1923
1924
1925
1926
1927
1928
1929
1930
1931
1932
1933
1934
1935
1936
1937
 
1936
marzo Fallisce il tentativo di Carlo Zanatta di uccidere Carlo Rosselli.
Per accelerare la vittoria l’Italia fa uso di gas asfissianti e di massicci bombardamenti.   In marzo e aprile escono in «Giustizia e Libertà» diversi articoli di Carlo Rosselli a commento delle operazioni italiane in Etiopia, Il dramma della coscienza europea (6 marzo), Dal conflitto italo-etiopico alla crisi europea (20 marzo), Eroismo assoluto (3 aprile), Realismo (10 aprile).
aprile Nello Rosselli, riottenuto il passaporto, partecipa alla riunione della Commissione internazionale della storia dei movimenti sociali e del Comitato internazionale delle scienze storiche, che si svolge a Bucarest.
L’esercito italiano entra in Addis Abeba. Il 9 maggio viene fondato l’Impero dell’Africa orientale italiana costituito dall’unione di Etiopia, Somalia, Eritrea; Vittorio Emanuele III diviene imperatore d’Etiopia. 5 maggio Carlo Rosselli scrive Realismo ancora in «Giustizia e Libertà» del 15 maggio.
30 giugno Nello Rosselli pubblica La politica inglese in Italia nell’età del Risorgimento in «Rivista storica italiana».
giugno Si costituisce il gruppo filofascista CSAR (Comité secret d’action révolutionnaire) i cui componenti vengono detti cagoulards (gli incappucciati).
Inizia la guerra civile spagnola. luglio Carlo Rosselli in vacanza con la famiglia a Morzine (Alta Savoia), torna a Parigi per raccogliere fondi e armi e mobilitare le forze antifasciste in aiuto dei repubblicani spagnoli. Dopo una prima breve puntata a Barcellona intorno al 6 di agosto, passa da Parigi, il 14 raggiunge la famiglia a Morzine “vestito da operaio che esce appena dalla fabbrica!” e il 16 agosto varca nuovamente il confine spagnolo diretto a Barcellona.
17 agosto Con atto costitutivo firmato da Mario Angeloni, Carlo Rosselli, Umberto Calosso e Camillo Berneri, prende vita la “Colonna italiana”, formazione di circa centicinquanta antifascisti italiani di ogni fede politica, impiegata sul fronte d'Aragona. Il comando militare della Colonna è affidato ad Angeloni e a Rosselli. Il 28 agosto nella battaglia di Monte Pelato i franchisti vengono respinti ma si registrano molti caduti fra gli italiani, fra i quali Angeloni, mentre Rosselli viene ferito. Recatosi a Parigi il 30 ottobre per cercare finanziamenti, torna in Spagna il 6 novembre.
novembre Il 6 novembre Carlo Rosselli pubblica Catalogna baluardo della rivoluzione in «Giustizia e Libertà».
Il 13 novembre nella sua rubrica a Radio Barcellona lancia il famoso “Oggi in Spagna, domani in Italia!”, destinato a diventare la parola d’ordine dei combattenti antifascisti; l’intervento sarà pubblicato in «Giustizia e Libertà» del 27 novembre.
Dopo la “vittoria mancata” di Almudévar del 20 novembre, inizia una crisi interna al gruppo che culmina il 16 dicembre quando il leader di Giustizia e libertà viene messo in minoranza dai rappresentanti anarchici della colonna. Il riacutizzarsi di una flebite lo bloccherà per tutto dicembre e lo costringerà a rientrare a Parigi nel gennaio 1937.
1936 Nello Rosselli pubblica Giuseppe Montanelli e il problema Toscano nel 1859 in «Archivio storico italiano».